Gruppo di crescita personale a indirizzo gestaltico

E’ finalmente partito il gruppo di crescita personale a spazio Co-stanza!

Il gruppo, come strumento di psicoterapia, rappresenta la possibilità di poter sperimentare in maniera esperienziale le nostre difficoltà e le nostre risorse rispetto alle relazioni interpersonali. Il gruppo diventa contenitore e cassa di risonanza al tempo stesso dei vissuti dei partecipanti e permette di elaborarli attivamente, attraverso il corpo, la respirazione,e grazie ad attività espressive.

Il gruppo è aperto e si tiene il giovedì dalle 19 alle 21, a cadenza quindicinale.

Per info e iscrizioni francescaberti2@gmail.com

 

“Corteggiami..ma non molestarmi”

Corteggiami, ma non molestarmi, suona come un invito alla relazione, alla possibilità di incontrarsi, anche, e soprattutto, nelle nostre diversità e complementarietà. In occasione della festa della donna sono stata invitata dalla sezione soci COOP di Campi Bisenzio a tenere un incontro sui temi del dialogo fra i sessi, sull’empatia rispetto alle difficoltà l’uno dell’altro, sull’importanza di abbandonare gli stereotipi in favore di una maggiore vicinanza e comprensione di ciò che non conosciamo.

Grazie a tutti per la vivace partecipazione!

Vuoi saperne di più sul  lavoro sulla coppia? www.francescaberti.it

Che coss’è l’amor? SECONDA EDIZIONE – Laboratorio esperienziale sulle relazioni affettive

Sei alla continua ricerca della tua metà ma collezioni solo relazioni che non decollano mai?
Hai una relazione così piena di alti e bassi che ti fa soffrire ma che non riesci a stabilizzare né a interrompere?
La cicogna insieme alla gioia di abbracciare tuo figlio ha portato anche distanze e conflitti nella coppia?

Capita a tutti di naufragare quando si parla di relazioni affettive. Per alcuni sono viaggi in mari tempestosi e mai calmi, per altri una continua ricerca di acque calde e avvolgenti a cui non si arriva mai. Difficile approdare a un porto sicuro dove poter fermarsi e godersi la pace…
In questo laboratorio cercheremo insieme la nostra bussola per ritrovare la rotta.

Programma del corso (SECONDA EDIZIONE):

6 ottobre 2016 M’amo non m’amo: l’amore per se stessi comebase per entrare in relazione con l’Altro
13 ottobre 2016 Parenti serpenti: come i miti familiari influenzano le nostre scelte
20 ottobre 2016 La ricerca dell’altra metà: una storia infinita
27 ottobre 2016 Con-tatto: trovare il proprio ritmo nella danza dell’intimità con l’Altro
10 novembre 2016 Che coss’è l’amor..un posto d’oltremare che è lontano solo prima di arrivare

Il percorso ha un costo di 100 euro a  persona.
Gli incontri si terranno il giovedì dalle ore 19.00 alle ore 21.00 presso Spazio CO-STANZA, Via del Ponte alle Mosse 32-38 rosso a Firenze – www.spaziocostanza.it

______________________________
Per informazioni e iscrizioni:
Dott.ssa Francesca Berti Psicologa Psicoterapeuta 347 1179700 – francescaberti2@gmail.com
Dott.ssa Giulia Calvaresi Psicologa Psicoterapeuta 333 3024810 – giuliacalva@hotmail.com

Illustrazione di Jean Michel Folon

Leggi di più sul mio lavoro: terapia di coppia

“L’Amore è sempre amore per il nome” Hungry Hearts- Commento psico-cinematografico

Hungry Hearts è un film drammatico diretto da Saverio Costanzo tratto dal romanzo Il bambino indaco di Marco Franzoso. È stato presentato in concorso al Festival di Venezia del 2014, dove ha vinto due Coppe Volpi per le interpretazioni di Adam Driver e Alba Rohrwacher.

Hungry Hearts è un film molto complesso, sia da un punto di vista tecnico che umano. Il regista sfrutta molti accorgimenti tecnici cinematografici, come la scelta di luoghi chiusi e oppressivi, per cui lo spazio diventa radiografia del sentire, o il ricorrere ai piani sequenza (quello iniziale), all’uso di lenti deformanti, che sottolineano l’incedere dell’ossessione di Mina, e alla scelta di posizioni di ripresa che spesso non sono “realistici”, ma esprimono punti di vista distorti.

La storia che racconta è una parabola ossessiva, a cui noi iniziamo ad assistere dall’incontro dei due protagonisti: il senso di prigionia e oppressione parte dal bagno fetido di un ristorante di bassa categoria. La maestria tecnica che il regista esprime concorre a rappresentare in maniera fortemente emotiva i mondi interni dei personaggi, soprattutto di Mina, che risultano difficilmente narrabili in altro modo.

I temi trattati sono attuali e antichi: la solitudine legata alle difficoltà della maternità, la “corruzione” del mondo moderno, la difficoltà degli uomini di trovare un ruolo paterno adeguato al mondo che è cambiato, l’ideologia contro il proprio sentire. Il regista ha scelto di dare solo pennellate e accenni rispetto alla storia pregressa ma anche a quella che si svolge sotto i nostri occhi, e infatti ci propone lunghi salti temporali espressi da uno schermo nero, in linea con il buio che gradualmente cala sulla felicità dei neo genitori.

Continua a leggere

Il divezzamento dei bambini

L’inizio di un’alimentazione complementare è un passaggio importante e delicato per le mamme e i loro bambini. Gli incontri forniranno spunti di riflessione e strumenti pratici per una dieta bilanciata e sana.

Due incontri per parlare di alimentazione nei primi anni di vita del bambino:

Venerdì 27 maggio dalle 16.30 alle 18.30
***A proposito di divezzamento.  Come, quando e perché iniziare un’alimentazione complementare***
L’introduzione di un’alimentazione fatta non più di solo latte pone i neo­genitori di fronte a scelte e riflessioni. Il divezzamento è un passaggio estremamente importante nella relazione madre­bambino, perché implica un processo di crescita verso l’autonomia di entrambi e necessita perciò di molta attenzione per trovare un equilibrio fra i bisogni del bambino e quelli della mamma.
Scopriamo quando e come proporre ai piccoli un nuovo modo di alimentarsi incentivando l’ascolto e la comprensione delle necessità del bambino e della mamma.

Incontro è a cura della Dott.ssa Azzurra Di Iulio, Naturopata, esperta di alimentazione e della Dott.ssa Francesca Berti, Psicologa, esperta di maternità (www.francescaberti.it)
________________

Venerdì 10 giugno dalle 16.30 alle 18.30
***L’alimentazione del bambino dai 6 mesi ai 2 anni***
Le tappe del divezzamento sono spesso presentate come rigide regole da seguire alla lettera, guai a sbagliare! La qualità degli alimenti proposti al bambino incidono sulla sua crescita, sul formarsi del gusto e delle sue difese naturali e pongono sempre più interrogativi nella famiglia.
In questo incontro forniremo strumenti pratici per una dieta bilanciata e sana fin dalle prime pappe per nutrire con attenzione e fantasia: quali cibi prediligere, i loro valori nutritivi e come cucinarli, i vantaggi dell’alimentazione biologica e casalinga.

Incontro è a cura di Dott.ssa Azzurra Di Iulio, Naturopata, esperta di alimentazione

__________________________________________________
COSTO: 25 euro a incontro.
I due incontri sono disgiunti, quindi si può partecipare a uno e/o all’altro.

Dove?
Ass. Co-Cò Spazio CO-STANZA Via del Ponte alle Mosse, 32/38 Rosso – Firenze

È necessaria la prenotazione a: info@spaziocostanza.it o allo 055 2741095.

Leggi di più sul mio lavoro: sostegno psicologico nella pro-creazione

Quando la cicogna porta la crisi di coppia..ne parla la dott.ssa Francesca Berti

“Lo abbiamo desiderato tanto. E siamo stati felici di sapere che aspettavamo Andrea. Ci siamo divertiti a risistemare la casa per accoglierlo. Siamo stati al settimo cielo quando lo abbiamo avuto finalmente fra le braccia. Ma lentamente qualcosa è cambiato. La distanza tra noi è aumentata e anche la freddezza. Il suo arrivo ci ha allontanati..”

Molte coppie raccontano di crisi che percepiscono essere iniziate con la nascita dei figli.
In maniera spesso inaspettata un evento che è atteso con gioia e trepidazione si trasforma in un percorso a ostacoli per costruire un nuovo equilibrio familiare.
Negli ultimi trent’anni le separazioni nei primi tre anni di vita dei figli sono in costante ascesa.
E’ stato anche coniato il termine “Baby Shock” per definire questo fenomeno, a sottolineare il forte impatto che sta avendo sulla nostra società.
Al di là dei numeri, l’arrivo del primogenito sicuramente porta una rivoluzione enorme nella nostra vita di coppia: se prima ci guardavamo negli occhi, adesso guardiamo insieme verso qualcun altro, fuori da noi. E’ certamente un cambiamento evolutivo, perciò naturale e positivo, ma non bisogna sottovalutare i segnali di disagio, che troppo spesso compaiono precocemente e non sono adeguatamente ascoltati.
In greco il termine crisis deriva dal verbo krinein decidere, distinguere e significa, quindi, scelta, decisione. La parola crisi può essere intesa nel senso di grave incertezza, instabilità e difficoltà in relazione all’accumularsi di conflitti irrisolti che i partner non hanno saputo gestire.
Ma crisi significa anche momento di passaggio che richiede scelte non più rinviabili e offre la possibilità di un’evoluzione positiva.
Vivere insieme è un percorso di continua co-costruzione fondata sulla capacità di conservare quello che c’è e di creare insieme il nuovo.
Come ogni fenomeno dell’esistenza umana anche la vita di coppia è un processo, un continuo divenire il cui cambiamento si costituisce attimo dopo attimo e può portare alla trasformazione positiva della coppia, se le persone riescono a tenere in vita un nucleo di base, la relazione d’amore, accompagnandolo con la modifica pressoché continua delle modalità espressive e dello stile di vita.

Continua a leggere

Che coss’è l’amor? Laboratorio esperienziale sulle relazioni affettive

Sei alla continua ricerca della tua metà ma collezioni solo relazioni che non decollano mai?
Hai una relazione così piena di alti e bassi che ti fa soffrire ma che non riesci a stabilizzare né a interrompere?
La cicogna insieme alla gioia di abbracciare tuo figlio ha portato anche distanze e conflitti nella coppia?

Capita a tutti di naufragare quando si parla di relazioni affettive. Per alcuni sono viaggi in mari tempestosi e mai calmi, per altri una continua ricerca di acque calde e avvolgenti a cui non si arriva mai. Difficile approdare a un porto sicuro dove poter fermarsi e godersi la pace…
In questo laboratorio cercheremo insieme la nostra bussola per ritrovare la rotta.

Programma del corso:
5 MAGGIO – IO E ME. UN VIAGGIO ATTRAVERSO LE IMMAGINI
12 MAGGIO – AMARSI UN PO’: AUTOSTIMA COME BASE PER COSTRUIRE RAPPORTI SANI
19 MAGGIO – LE TRAPPOLE DELL’AMORE IDEALE: COME NON CADERCI
26 MAGGIO – LA DISTANZA TRA ME E TE: TROVIAMO LE NOSTRE MISURE
9 GIUGNO – LA SEDUZIONE COME ARTE DI CONDURRE A SÉ
16 GIUGNO – IL MIO PORTO. NUOVI ORIZZONTI POSSIBILI

Il percorso ha un costo di 120 euro a  persona.
Gli incontri si terranno il giovedì dalle ore 19.30 alle ore 21.30 presso Spazio CO-STANZA, Via del Ponte alle Mosse 32-38 rosso a Firenze – www.spaziocostanza.it

______________________________
Per informazioni e iscrizioni:
Dott.ssa Francesca Berti Psicologa Psicoterapeuta 347 1179700 – francescaberti2@gmail.com
Dott.ssa Giulia Calvaresi Psicologa Psicoterapeuta 333 3024810 – giuliacalva@hotmail.com

Illustrazione di Jean Michel Folon

Leggi di più sul mio lavoro: terapia di coppia

Pagella scolastica dei figli: alcuni consigli per i genitori

 

Qual è l’atteggiamento migliore quando il bambino/ragazzo porta a casa la pagella?Quali sono le reazioni sbagliate che occorre evitare?

“Calcio, mentre i figli giocano i genitori si picchiano in tribuna”, così titolava un quotidiano qualche tempo fa. L’increscioso episodio è avvenuto al cospetto dei figli che osservavano increduli la scena dal campo.  In una società competitiva, che esalta l’approccio prestazionale alle cose ed in cui l’importante è vincere, mai partecipare, è necessario evidenziare esplicitamente la differenza tra il valore dei risultati ottenuti e quello di nostro figlio. In questo modo si evita che un bambino che non ha bei voti si identifichi con quelli, con un effetto negativo sulla propria autostima.

Questo atteggiamento è consigliabile anche nel caso di una pagella con voti alti, per evitare che il bambino scambi la stima dei genitori per se stesso con quella per i risultati ottenuti.

Molti bambini in cerca di riconoscimento affettivo da parte dei genitori, infatti, sembrano intimamente convinti di poter essere amati solo se considerati “bravi”, con una conseguente inibizione della propria libertà di espressione.

È fondamentale valorizzare sempre l’impegno che nostro figlio ha investito nella scuola, al di là dei risultati.
La consegna delle pagelle potrebbe trasformarsi in un’opportunità di confronto con nostro figlio, su pensieri ed emozioni che i risultati ottenuti hanno stimolato in lui. Molto spesso ciò di cui si preoccupano maggiormente i figli è l’effetto che i loro voti hanno sui genitori, come se il loro amore fosse condizionato in qualche modo dagli esiti delle loro attività. È per questo stesso motivo che talvolta bambini o adolescenti paiono demotivati, pigri o addirittura completamente disimpegnati rispetto all’investimento scolastico: in realtà stanno inconsciamente evitando di confrontarsi con il delicato tema dell’appartenenza affettiva (“Se non mi impegno abbastanza so che non avrò successo perché non l’ho voluto e non perché non sono in grado e perciò perché non sono degno di amore”).

Continua a leggere